Il canto può migliorare i sintomi del Morbo di Parkinson?

effetti del canto sul parkinson

Secondo un recente studio pilota, la cantoterapia potrebbe ridurre alcuni dei sintomi motori e le alterazioni dell’umore associati al morbo di Parkinson.

La malattia di Parkinson è una condizione neurodegenerativa progressiva che colpisce più di 10 milioni di persone in tutto il mondo. I sintomi includono tremori e difficoltà nel coordinare i movimenti. Inoltre, possono verificarsi cambiamenti di umore, con ansia e depressione. I farmaci possono aiutare a ridurre i sintomi, ma tendono a “diventare meno efficaci con il progredire della malattia” e gli effetti collaterali possono anche peggiorare.

Trovare le modalità non farmacologiche per gestire la malattia di Parkinson è una priorità e tra gli interventi che stanno prendendo piede, uno è il canto.

Alcuni autori già da anni sottolineano che il canto può migliorare la qualità della voce e le alterazioni del linguaggio causati dal Parkinson (Haneishi E, 2001).

Quali miglioramenti può facilitare il canto nel Parkinson?

Il canto può stimolare ad aumentare il volume della voce in misura maggiore di quanto non faccia la voce parlata e può aiutare i pazienti a migliorare le loro capacità respiratorie e il coordinamento pneumofonico, nonché la capacità di articolare le parole. Inoltre, la variabilità del pitch, la gamma, e i ritmi di diverse canzoni possono migliorare l’intonazione e i tempi e del discorso grazie ad una maggiore lentezza nella pronuncia delle parole (Schlaug G, Marchina S, Norton A, 2008). Infine, il canto può attivare il sistema limbico e il nervo vago provocando rilassamento ed emozioni piacevoli.

Recentemente, i ricercatori dell’Iowa State University di Ames hanno condotto una ricerca pilota per studiare l’impatto del canto su un piccolo gruppo di individui affetti dal morbo di Parkinson. Lo studio era diretto da Elizabeth Stegemöller, un’assistente di kinesiologia all’università. I ricercatori hanno presentato le loro scoperte al congresso della Society for Neuroscience del 2018, tenutosi a San Diego (California). In un precedente lavoro la ricercatrice aveva già dimostrato che cantare può migliorare il controllo respiratorio, può funzionare come trattamento logopedico per il miglioramento dell’eloquio, nonché migliorare la capacità dei pazienti di deglutire.

I risultati più recenti identificano una gamma molto più ampia di potenziali benefici.

La ricerca si è concentrata su un coro composto da 17 persone. I ricercatori hanno misurato i loro livelli di frequenza cardiaca, pressione sanguigna e cortisolo prima e dopo una sessione di prove. I partecipanti hanno anche compilato un questionario che ha valutato i livelli di ansia, tristezza, rabbia e felicità.

Sebbene la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa e i livelli di cortisolo si siano abbassati, in questo piccolo campione le modifiche non erano significative. Si è anche riscontrata una diminuzione dei livelli di ansia e tristezza dopo le prove.

Per quanto riguarda i sintomi specifici, i ricercatori hanno misurato miglioramenti statisticamente significativi in ​​alcuni sintomi motori che spesso non sono influenzati dai farmaci. In particolare, la bradicinesia delle estremità superiori (rallentamento del movimento), i tremori e la deambulazione sono migliorati.

Perché il canto funziona?

Questi risultati sollevano la domanda: perché il canto ha un impatto su una condizione neurodegenerativa?

I ricercatori si chiedono se l’ossitocina possa svolgere un ruolo. Questo ormone, a cui la gente a volte si riferisce come l’ormone dell’amore, viene rilasciato durante la costruzione dei legami.

La ricercatrice Elizabeth Shirtcliff, un professore associato in studi familiari sullo sviluppo umano, spiega:

“Uno dei motivi per cui il cortisolo si abbassa potrebbe essere legato al fatto che i membri del coro si sentono positivi e meno stressanti nell’atto di cantare con gli altri, e che l’ossitocina crei un legame di appartenenza al gruppo”.

Sebbene il recente studio fosse solo uno studio pilota su piccola scala, fa parte di una banca di prove in continua crescita. Il canto è una terapia efficace, senza effetti collaterali e piacevole per le persone con malattia di Parkinson.

Si spera che sia solo una questione di tempo prima che il coro entri nelle linee guida per il trattamento del morbo di Parkinson.

 

Vorresti approfondire come impiegare tecniche vocali e di cantoterapia per alleviare i sintomi del Parkinson nelle RSA? Scopri il nostro corso accreditato ECM su questo tema a noi caro! Vai al corso “La cantoterapia con l’anziano istituzionalizzato”

 

Bibliografia

Haneishi, E. (2001). Effects of a music therapy voice protocol on speech intelligibility, vocal acoustic measures, and mood of individuals with Parkinson’s disease. Journal of Music Therapy, 38, 273-290.

Schlaug, G., Marchina, S., & Norton, A. (2009). Evidence for plasticity in white-matter tracts of patients with chronic Broca’s aphasia undergoing intense intonation-based speech therapy. Annals of the New York Academy of Sciences, 1169, 385–394.

Stegemoller, E.L. & Hibbing, Paul & Radig, H & Wingate, Judith. (2017). Therapeutic Singing as an Early Intervention for Swallowing in Persons with Parkinson’s Disease. Complementary Therapies in Medicine. 31. 10.1016/j.ctim.2017.03.002.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Il canto può migliorare i sintomi del Morbo di Parkinson?

X
X
Continua a Seguirci su Facebook!